Autore: Ufficio Stampa

Controlli mense, ANIR Confindustria: «Bene gli accertamenti, si difende la professionalità delle aziende sane e si garantiscono gli utenti»

«Destano forte preoccupazione le notizie diffuse in queste ore sui controlli effettuati dai NAS presso 1.058 aziende di ristorazione collettiva, per cui risulterebbero un numero pari ad un terzo di irregolarità con violazioni penali e amministrative, queste ultime sono l’85% sul totale delle irregolarità rilevate. Questi accertamenti garantiscono soprattutto chi opera, in modo professionale e nel rispetto delle regole, in un settore così essenziale, oltre a garantire i cittadini che usufruiscono del servizio.

La ristorazione collettiva rappresenta un servizio che non si ferma e non si può fermare, per la sua importanza e il suo impatto sulla qualità della vita delle persone che ne fruiscono. Lo stiamo vedendo anche in un periodo come questo di difficoltà, dovuta al caro prezzi che ci ha spinto verso una crisi da cui speriamo di uscire quanto prima. ANIR Confindustria non ha mai smesso di chiedere il totale rispetto dei più alti standard di qualità nel mercato della ristorazione collettiva, da cui non si può derogare. Per questo motivo sottolineiamo che i controlli sono sempre una garanzia per chi fa bene il proprio servizio e per gli utenti finali che ne fruiscono, perché oltre alle sanzioni previste che vengono comminate a chi non rispetta le norme di legge, tengono altissima l’attenzione sulla qualità dei servizi offerti e sulla loro corretta somministrazione. Crediamo nella grande importanza della ristorazione collettiva nel sistema paese, e siamo convinti vada difesa e sostenuta anche attraverso puntuali e precisi controlli, a cui daremo la nostra massima collaborazione che spero possa portare ad un incontro di ulteriori intenti con chi li effettua, come i NAS». È quanto dichiara il Presidente di ANIR Confindustria, Lorenzo Mattioli.

Le aziende si mobilitano per un pasto giusto nelle mense italiane. ANIR Confindustria: «Vogliamo evitare il pasto ridotto in scuole e ospedali»

ANIR Confindustria ha invitato tutto il settore della ristorazione collettiva ad una straordinaria mobilitazione nazionale indetta per giovedì 23 marzo a Roma, in Piazza Santi Apostoli, dalle ore 10 alle ore 13, che interesserà tutte le mense pubbliche italiane. Una protesta necessaria per un pasto giusto il cui costo sia riconosciuto dalla Amministrazione Pubblica adeguando i contratti di servizio alle indicizzazioni dell’inflazione da parte dell’ISTAT, altrimenti vi sarà il rischio concreto dell’erogazione di un pasto ridotto,  seppur a norma, presso le mense di scuole e ospedali a partire dal giorno della mobilitazione.

Le aziende della ristorazione collettiva, dopo aver scritto e indirizzato una lettera al Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, protestano affinché ci sia un urgente intervento del Governo. Sino ad ora, infatti, nonostante le tante interlocuzioni avvenute ad ogni livello, non è stato fatto nulla per scongiurare la crisi che il settore sta vivendo.

«Non possiamo che scendere in piazza per far sentire forte la nostra voce» sostiene il Presidente di ANIR Confindustria, Lorenzo Mattioli, «visto che non viene riconosciuta l’indicizzazione automatica dei prezzi all’inflazione registrata dall’ISTAT. Ad oggi, e ormai da troppi mesi, il 30% dei pasti erogati vengono pagati dalle stesse aziende che effettuano il servizio mensa. Una situazione insostenibile, più volte denunciata, ma rispetto alla quale non abbiamo ancora visto alcun intervento concreto, seppure più volte ci siamo anche presi l’onere di fare proposte concrete e attuabili».

«Abbiamo detto più volte, con chiarezza», conclude Mattioli, «che quello che le Istituzioni stanno attuando attraverso il nuovo codice degli appalti in materia di contratti pubblici è discriminatorio nei confronti di un comparto industriale, quello dei Servizi Pubblici, che non vede consentito ciò che è possibile al comparto dei Lavori Pubblici: ovvero riequilibrare i contratti in essere alle condizioni imprevedibili sopravvenute come pandemia prima e inflazione ora. Proponiamo da tempo la soluzione ad un problema che interessa la sorte di circa 1000 aziende, di 120 mila lavoratori, di cui l’80% donne, e che consente di produrre e servire ogni anno circa 1,3 miliardi di pasti ogni anno».

 

KIT
Locandina (scarica qui)
Lettera al Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni (scarica qui)

Lettera di ANIR Confindustria al Presidente Meloni, per un intervento sulla crisi delle mense pubbliche

Le imprese della ristorazione collettive di fronte ad una crisi strutturale invitano il Presidente del Consiglio Meloni ad un intervento immediato del governo e fanno appello alla mobilitazione nazionale del settore per protesta.

Lorenzo Mattioli, presidente di ANIR Confindustria, con una lettera pubblica al Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ribadisce le difficoltà che stanno affrontando da anni le mense di servizi fondamentali come aziende, scuole, ospedali, carceri.

«Le imprese della ristorazione collettiva si trovano ancora una volta a dover fronteggiare una nuova crisi improvvisa, l’aumento sfrenato dei prezzi, che impone loro di garantire con il proprio patrimonio un pasto, e quindi salute e nutrizione, a milioni di cittadini ogni giorno, senza che gli vengano riconosciuti gli aumenti dei costi sostenuti.  Un obbligo, un dovere ormai insostenibile dal punto di vista economico, che sta mettendo a rischio centinaia di migliaia di posti di lavoro (in prevalenza femminile) nel completo disinteresse della amministrazione pubblica, che sembra non si renda conto del rischio di tenuta e di garanzia di servizi pubblici essenziali».

«Il Governo» scrive ancora Mattioli «ha fatto suo il principio che produttività, sviluppo e occupazione nel nostro Paese sono in primis in capo alle aziende. Ci rivolgiamo a Lei Presidente, quale più alta carica di Governo, affinché sia riconosciuto e diventi effettivo per prassi e norma l’adeguamento agli indici ISTAT dei prezzi dei contratti, motivi per cui chiediamo di incontrare Lei e il Governo affinché anche i Comuni e le Regioni, adottino urgentemente misure definitive per il riequilibrio economico dei contratti».

Il settore, che impiega 150 mila lavoratrici e lavoratori, di cui l’80% donne e che interessa una filiera e un indotto di riferimento, come quello agroalimentare, che consente di produrre e servire, insieme alle nostre aziende, più di 1 miliardo di pasti l’anno, ha indetto una straordinaria mobilitazione nazionale per il 23 marzo a Roma. Un appello alla protesta rivolto alle aziende, agli operatori, alle parti datoriali e sindacali affinché ci sia un confronto volto a sistemare la questione.

«In attesa di un confronto diretto immediato» conclude ancora Mattioli «nel quale poter illustrare le nostre istanze e proporre alcune possibili soluzioni che superino l’attuale momento di criticità».

Continua l’aumento dei prezzi dei generi alimentari, rischio crisi del settore della ristorazione collettiva

In base ai dati ISTAT della settimana scorsa e relativi al mese di febbraio 2023, a fronte di una diminuzione dell’inflazione generale che dal 10% passa al 9,2%, non diminuiscono le spinte al rialzo dei prezzi nel comparto degli Alimentari sia lavorati (da +14,9% a +16,2%) sia non lavorati (da +8,0% a +8,4%) e i prezzi nella filiera agro-alimentare si mantengono con un’accelerazione tendenziale fino a raggiungere il 15%, ben 0,9% in più rispetto al dato che si era registrato a gennaio. Un dato che conferma l’allarme lanciato dal settore della ristorazione collettiva che oggi eroga pasti con costi di produzione aumentati mediamente del 30% in più e che continueranno ad aumentare, senza veder riconosciuta la revisione dei prezzi nei contratti.

Stiamo ormai arrivando ad una crisi strutturale della ristorazione collettiva che mette sempre più in difficoltà le aziende dal poter continuare a erogare i pasti necessari, alle condizioni pattuite precrisi dai contratti in essere tra le aziende della ristorazione collettiva e la pubblica amministrazione. Una condizione che ha portato ANIR Confindustria ad invitare anche tutto il settore ad una straordinaria mobilitazione convocata per il prossimo 23 marzo a Roma a piazza Montecitorio. Un appello alla mobilitazione che coinvolgerà tutta la ristorazione collettiva: rivolto alle aziende, agli operatori, alle associazioni datoriali e alle rappresentanze sindacali che auspichiamo aderiscano e partecipino.

«Trovo inconcepibile che il governo e la Pubblica Amministrazione oggi continuino a girarsi dall’altra parte, non riconoscendo e di fatto addirittura impedendo a queste aziende di adeguare i propri servizi allo sfrenato aumento dei prezzi che subiscono. Fino ad ora, nonostante le difficoltà non sembrano cessare, con l’aumento dei prezzi e il sommarsi di problemi dovuti alla crisi ambientale (è di oggi l’allarme siccità lanciato dal settore agroalimentare), non abbiamo visto attuarsi nessuna misura o azione concreta, anzi la scrittura del nuovo codice degli appalti sulla revisione prezzi per il nostro settore peggiora lo stato già precario della situazione. Continuiamo a chiedere una cosa semplice: l’immediato riconoscimento dell’aumento dei prezzi nei contratti in corso e in quelli a venire, attraverso l’adeguamento agli indici ISTAT, come dovrebbe avvenire in un Paese normale che vuole stare al fianco delle proprie imprese, soprattutto quando queste si fanno carico di servizi importanti e fondamentali per la collettività. Cosa vogliamo scongiurare? L’entrata in crisi irreversibile di un settore che costerebbe la riduzione dei pasti anche nelle scuole e negli ospedali» è quanto dichiara il Presidente di ANIR Confindustria, Lorenzo Mattioli.

RISTORAZIONE COLLETTIVA: ANIR CONFINDUSTRIA, APPELLO GOVERNO PER MANIFESTAZIONE NAZIONALE SU RICONOSCIMENTO CARO PREZZI

A forze politiche, Parlamento e Presidente Consiglio, Giorgia Meloni chiesta apertura immediata di un tavolo di crisi

L’aumento dei prezzi dell’energia e delle derrate alimentari, mediamente incrementati del 30%, a causa dell’effetto combinato del post Covid, dell’inflazione e del conflitto russo-ucraino, sta determinando una crisi strutturale nel settore della ristorazione collettiva, che non consente alle aziende di poter continuare a erogare i pasti necessari, alle condizioni pattuite pre-crisi dai contratti in essere tra le aziende della ristorazione collettiva e la pubblica amministrazione.

Da più di un anno ANIR Confindustria ha denunciato questa situazione e avviato il confronto istituzionale con tutto l’arco parlamentare e con tutti gli enti che possono intervenire alla definizione di un riequilibrio dei contratti e nella determinazione di costi standard congrui, riscuotendo grande interesse e ampio sostegno, purtroppo senza ottenere nessun risultato concreto.

Per questi motivi ci vediamo costretti, insieme a tutte le aziende, ad intervenire con forza in ogni sede per rappresentare le nostre gravi difficoltà – dalla piazza a quella istituzionale, mediatica e persino giudiziaria se necessario – e invitare tutto il settore ad una straordinaria mobilitazione convocata per il prossimo 23 marzo a Roma. Un appello alla mobilitazione che coinvolgerà tutta la ristorazione collettiva rivolto alle aziende, agli operatori, alle associazioni datoriali e alle rappresentanze sindacali che auspichiamo aderiscano e partecipino.

 

«È legittimo che questo settore faccia di tutto per farsi sentire. Il mancato riconoscimento alle aziende di quanto hanno speso per l’aumento improvviso ed esponenziale dei prezzi di acquisto delle materie prime, è iniquo. Impedire di poter adeguare i contratti in essere e futuri attraverso la normale revisione dei prezzi, significa distruggere un settore che svolge un servizio di pubblica utilità garantendo quasi un miliardo di pasti l’anno, erogati ogni giorno senza interruzione di sosta a scuole, ospedali, caserme e uffici. È inconcepibile che il Governo e la Pubblica Amministrazione oggi continuino a girarsi dall’altra parte, non riconoscendo e di fatto addirittura impedendo a queste aziende di adeguare i propri servizi allo sfrenato aumento dei prezzi che subiscono. Continuiamo a ricevere rassicurazioni, nelle tante interlocuzioni istituzionali che ormai da mesi abbiamo avviato per far comprendere la forte criticità, ma non abbiamo visto attuarsi nessuna misura o azione concreta, anzi la scrittura del nuovo codice degli appalti sulla revisione prezzi per il nostro settore peggiora lo stato già precario della situazione. Chiediamo una cosa semplice, ’immediato riconoscimento dell’aumento dei prezzi nei contratti in corso e in quelli a venire, attraverso l’adeguamento agli indici ISTAT, come avverrebbe in un Paese normale, per questo ci rivolgiamo al Governo attuale affinché intervenga per scongiurare quello che temiamo: la riduzione dei pasti in scuole e ospedali. Il nostro è un appello aperto alla partecipazione di questa straordinaria mobilitazione, alle altre associazioni datoriali e ai sindacati, come alle imprese e a tutti gli operatori, è a rischio un settore intero, 150.000 lavoratori (di cui la stragrande maggioranza donne) coinvolti. Siamo molto preoccupati anche delle ricadute sociali, motivo per cui avvieremo un dialogo immediato anche con le forze sindacali, non escludendo che a partire dal giorno della mobilitazione in poi si proceda anche attraverso l’erogazione di un servizio minimo, previsto dalla legge, come un pasto ridotto». È quanto ha dichiarato il Presidente di ANIR Confindustria, Lorenzo Mattioli.

CODICE APPALTI: ANIR Confindustria: «Ora intervenga il governo, i servizi di ristorazione collettiva non avranno mai la possibilità di adeguare i contratti all’aumento dei prezzi»

Nei giorni scorsi sono stati pubblicati i pareri delle Commissioni Parlamentari relative allo schema del nuovo codice appalti, dopo aver ben esposto le nostre istanze e le nostre proposte durante le audizioni e dopo aver letto attentamente le conclusioni, ANIR Confindustria non può che constatare che nei confronti della ristorazione collettiva e dei relativi contratti pubblici non sarà di fatto possibile veder riconosciuta nessuna revisione dei prezzi poiché vengono introdotte modalità di chi pensa il codice per i lavori e non per i servizi.

Entra nello specifico il vicepresidente di ANIR Confindustria, Massimo Piacenti: «È sbagliata l’introduzione delle soglie riferite alla dimensione economica del contratto per gli appalti di servizi, per diversi motivi. Innanzitutto, i contratti di servizi sono pluriennali con volumi e modalità variabili di anno in anno. Per la ristorazione collettiva, in particolare, c’è una struttura dei costi rigida e non comprimibile costituita dal costo delle materie prime che viene imposto dalla committenza pubblica con i capitolati e il costo della manodopera, che è già prefissato prima del contratto in virtù della clausola sociale che reimpiega gli addetti previsti nel precedente contratto a cui si subentra. A questo va aggiunta la variazione di costi indiretti, come quello energetico. Le aziende della ristorazione collettiva non hanno margini per assorbire l’incremento anche minimo dei costi. Per questo, da diversi mesi, riteniamo che l’equilibrio contrattuale possa essere raggiunto solo nel veder riconosciuto l’intero aumento dei costi dalla committenza in base alle indicizzazioni sintetiche Istat (FOI o NIC) in modo obbligatorio e automatico».

«Attualmente le aziende della ristorazione collettiva vivono un momento di forte criticità, prossimo ad un definitiva crisi strutturale:» aggiunge il segretario generale di ANIR Confindustria, Paolo Valente «prossimo ad un definitiva crisi strutturale: poiché stanno producendo pasti con un costo maggiorato del 30% per l’impennata dei prezzi da c.ca 12 mesi, avendo contratti stipulati con condizioni pre-covid che non vogliono essere rinegoziati e a cui non viene concessa la revisione dei prezzi da parte delle stazioni appaltanti pubbliche  (scuole, università, ospedali, rsa, caserme)  neanche riconoscendo l’adeguamento agli indici di riferimento ISTAT come la normalità vorrebbe Chiediamo una cosa semplice, in piena sintonia con il concetto di semplificazione che questa revisione del codice intende attuare: riconoscere per norma gli aumenti reali dei costi che le aziende stanno sostenendo».

 

Per contatti

uff.stampa@asso-anir.it

Codice Appalti: ANIR Confindustria in audizione presso la commissione ambiente e Lavori chiede adeguamento immediato ai prezzi ISTAT

ANIR Confindustria, insieme alle altre consociate in Confindustria Servizi HCFS, ha partecipato all’audizione presso la Commissione Lavori Pubblici e Ambiente alla Camera dei Deputati sullo schema decreto legislativo sul codice appalti alla Camera.

La delegazione, composta dal Presidente di Confindustria Servizi HCFS Lorenzo Mattioli, il vicepresidente Massimo Piacenti e il segretario generale Paolo Valente, ha evidenziato le forti criticità individuate, e già più volte sottolineate, sull’importanza di questa fase di revisione  della centralità che dovrebbero assumere i servizi, ma anche l’urgenza di interventi che intervengano su un settore come quello della ristorazione collettiva che interessa oltre 120 mila dipendenti, oltre 1000 aziende senza contare tutta la filiera agroalimentare con un fatturato di c.ca 6,5 miliardi di euro.

«La ristorazione collettiva» ha affermato il Presidente Mattioli, in veste anche di presidente della Confindustria Servizi HCFS, «ha necessità che il meccanismo individuato per la revisione dei prezzi faccia riferimento all’applicazione obbligatoria ed automatica alle indicizzazioni elaborate dall’ISTATI su base annuale. Fondamentale che le aggiudicazioni avvengano attraverso il solo principio del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e che venga definitivamente superato il principio del massimo ribasso non solo formalmente».

Il vicepresidente Piacenti intervenendo ha specificato che: «I bilanci delle società della ristorazione collettiva sono pubblici, e parlano chiaro: questo settore ha margini bassissimi, in cui esiste una forte rigidità nella gestione dei costi dove l’aumento dei prezzi anche minimo produce effetti dannosi che attualmente non riusciamo piu a tollerale  . Per questo stiamo chiedendo una revisione automatica e obbligatoria dei prezzi su dati Istat e Anac su base annuale. Il nostro settore ha chiuso il 2020 con una diminuzione del fatturato del 40%, di cui i bilanci ancora risentono e che la congiuntura inflattiva attuale aggrava ulteriormente. Sentiamo paventare che sarà posticipata l’entrata in vigore del codice degli appalti di quasi un anno, diventa per noi urgentissimo, dunque, un provvedimento ponte per garantire e normare subito la revisione prezzi per quei contratti che non la prevedono in modo tassativo, saremo costretti ad avviarci verso una mobilitazione nazionale, perché la situazione per noi è insostenibile e fra un anno molto probabilmente questo settore non esisterà più».

CODICE APPALTI e Caro prezzi: la ristorazione collettiva chiede con urgenza l’adeguamento agli indici Istat dei prezzi

Le misure economiche sul caro prezzi, e la fase finale della revisione del codice appalti in corso, rischiano di tagliare fuori un settore, quello della ristorazione collettiva, in modo definitivo. Da quasi un anno le aziende forniscono servizi sostenendo forti aumenti dei prezzi su energia e materie prime alimentari, senza che questi aumenti siano riconosciuti.

In questi giorni ANIR, insieme a tutta la rappresentanza del settore, sta denunciando lo stato di crisi che stanno affrontando le aziende e chiede che almeno nel codice appalti venga riconosciuto l’adeguamento dei prezzi agli indici Istat correnti. Nei giorni scorsi, il settore della ristorazione collettiva ha avuto un incontro preliminare con la deputata Erica Mazzetti, relatrice schema decreto legislativo sul codice appalti alla Camera, insieme ad una delegazione del gruppo di Forza Italia, guidata dal deputato Raffaele Nevi. Al centro del confronto, l’audizione di mercoledì prossimo in cui le imprese della ristorazione collettiva porteranno le loro ragioni per una modifica del codice appalti che viene ritenuta vitale per il settore: l’obbligo di revisione dei prezzi legati all’inflazione dell’ISTAT.

«Stiamo cercando di avanzare le nostre richieste presso le sedi istituzionali» afferma Lorenzo Mattioli, presidente di ANIR e di Confindustria HCFS, «perché crediamo nel dialogo e siamo convinti che il Governo voglia aiutare un settore come il nostro, rappresentato da 1500 aziende e da 110 mila lavoratrici e lavoratori, con un fatturato complessivo di 6,5 miliardi, che sta attraversando un momento di difficoltà dovuto a fattori esterni che hanno comportato un aumento dei prezzi fuori controllo. Per far valere le nostre ragioni, questo sia chiaro, siamo anche disposti a mobilitarci in maniera straordinaria, non escludendo forme di protesta incisive».

 

Per contatti: uff.stampa@asso-anir.it

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

© ANIR Associazione Nazionale Imprese della Ristorazione - CF 96455610582.
Privacy Policy | Cookie Policy

CONTATTI

Viale Pasteur, 6 - 00144 Roma Telefono +39 06 45473001