Mobilitazione: doppia Iniziativa in piazza e pasto ridotto nelle mense: «Vengano riconosciute le nostre ragioni»

Marzo 20, 2023

Giovedì 23 marzo, ANIR Confindustria ha organizzato la straordinaria mobilitazione del settore della ristorazione collettiva. Una protesta collettiva per un pasto giusto il cui costo sia riconosciuto dalla Amministrazione Pubblica adeguando i contratti di servizio alle indicizzazioni dell’inflazione da parte dell’ISTAT.

La mobilitazione nazionale prevede che nelle mense della Aziende aderenti alla protesta il 23 marzo verrà servito solamente il pasto ridotto, attraverso le modalità di riduzione del servizio consentite e aventi i requisiti minimi richiesti in situazioni di mobilitazione come questa. Milioni di alunni, degenti di ospedali, cliniche e case di riposo, dipendenti di enti pubblici e forze armate non fruiranno del pasto giusto, che è stato servito negli altri giorni.

Contemporaneamente a Roma in piazza Santi Apostoli dalle 10 alle 13 si darà luogo ad una manifestazione pubblica di tutto il settore, con operatori, aziende e rappresentanze.

«Si tratta di misure drastiche ma necessarie» afferma il Presidente di ANIR Confindustria, Lorenzo Mattioli, «perché il Governo, che continua inspiegabilmente a non dare risposte, riconosca ad un settore come quello della ristorazione collettiva che, da tre anni a questa parte, sta soffrendo una crisi senza precedenti, l’indicizzazione automatica dei prezzi all’inflazione registrata dall’ISTAT. L’aumento dei prezzi dell’energia e del costo delle derrate a causa dell’inflazione ha messo in ginocchio un intero settore che ogni anno eroga quasi un miliardo di pasti alle fasce più sensibili della comunità. Se le istituzioni continueranno a ignorare le richieste delle aziende di ristorazione collettiva, nonostante le tante interlocuzioni e gli innumerevoli tentativi di portare delle proposte concrete per risolvere la questione», conclude lo stesso Mattioli «non possiamo escludere che il pasto ridotto possa diventare una realtà permanente nelle mense, cosa da scongiurare poiché significa mettere a rischio di fermo i contratti in essere, con conseguente ridimensionamento dei posti di lavoro, che oggi ammontano a circa 150.000 persone delle quali la grande maggioranza è donna».

Continua la lettura

Aprile 5, 2024

«Ristorazione collettiva, il CCNL sia strumento di crescita e competitività per tutto il comparto»

Febbraio 21, 2024

FABBRICA EUROPA. Piacenti: «Bene intervenire in ambito UE, per garantire gli equilibri economici dei contratti dei servizi»

Febbraio 5, 2024

“Dopo una fase di crisi, sarebbe oggettivo rivedere alcune delle modalità con le quali le gare d’appalto poi vanno nel loro corso del tempo e non tengono conto dei costi aggiuntivi”. Nico Stumpo, Onorevole del Partito Democratico

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

© ANIR Associazione Nazionale Imprese della Ristorazione - CF 96455610582.
Privacy Policy | Cookie Policy

CONTATTI

Viale Pasteur, 6 - 00144 Roma Telefono +39 06 45473001